mercoledì 23 dicembre 2009

Il cuore.

Elenco di cose che mi toccano il cuore quasi con le dita, poiché il mio cuore è ancora aperto, scoperto, divelto. Gli sto confezionando una custodia, per conservarlo più a lungo, ma la preparazione è stata lenta, è lenta. Magari da domani questo cuore sarà più al sicuro, sarà più impermeabile, sarà più serio anche. Più sicuro di sé, farà carriera nel mondo dei cuori, mi aiuterà, mi sosterrà, non mi tradirà, non mi mollerà sul più bello, terrà il suo ritmo e la sua posizione. Al momento il suddetto cuore si spezza ancora di tanto in tanto appena può e gliene capita l'occasione ed ecco un piccolo elenco delle cose che lo toccano da vicino:

1) I disegnini piccoli, di mini pupazzi di neve con le guancette rosa o di mini alberelli di Natale con i pacchetti piccolissimi disegnati sotto.

2) I cuccioli di gatti semirandagi con le zampine immerse nella neve e gli occhi sporchi e socchiusi da cui esce una specie di lacrima di freddo.

3) Certi sguardi disperati di certi nonnetti, sembrano di carta velina celeste, in particolare quelli di uno da me soprannominato Signore di Corso Trapani.

4) Le mamme che tengono i figli nelle fasce attaccati come scimmiette. E il bambino appoggia la mini-testa sotto al collo della mamma.

5) Quando gli innamorati cingono la vita delle innamorate.

6) I complimenti.

7) Il pensiero fulminante del futuro.

8) L'idea di "essere responsabili di se stessi".

Ecc ecc.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

bello bello bello , barva,brava, brava.

noemi cuffia ha detto...

grazie grzie grazie w i complimenti!! :)