lunedì 15 giugno 2009

Things.

La bustina del tè lasciata troppo tempo.
Il cellulare che era spento.
La luce troppo calda.
Il rigido inverno.
Il latte freddo.
Le scale ripide, l'ascensore rotto,
la caduta delle foglie, le ginocchia sbucciate.
La morte della morte.
La nascita della vita.
E il gatto che era chiuso nel cortile.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

E' BELLISSIMA, E HO CAPITO QUESTE PAROLE. BRAVA

noemi cuffia ha detto...

sono contenta grazie a te