proudly supporting

mercoledì 7 luglio 2010

Estremi.

L'estrema timidezza, scagliata come un sasso da una fionda nella vita, a volte compie un balzo di 180° e si deposita - senza volerlo - nel solco del suo opposto: la sfrontatezza. Ahimé è così vero che quando capita a me in prima persona me ne spavento. Anni passati a cercare da qualche parte, per lo più tasche bucate, quel minimo sindacale di autostima sufficiente alla sussistenza, invano. Anni a sentirsi ripetere le solite parole svuotate di senso: "buttati, osa, credici, mettiti la scollatura, chiedi, telefona, fatti avanti, spacciatela, tiratela, vantati ecc ecc". Ma poi quando si disinnesca la molla della timidezza, è un guaio: fanno immediatamente seguito picchi goffi di grandiosità, che chiaramente stride agli occhi di chiunque. O almeno a un primo sguardo, o a uno sguardo non professionale (mi riferisco alle professioni in ambito "psy").

Così nella stessa persona possono convivere atti di estrema prostrazione, ritiro, vergogna, chiusura, infernale titubanza con espressioni di eccessiva - ma tutta apparente - sicurezza, sicumera, spavalderia, impertinenza, audacia, vanagloria. Guardarsi allo specchio e vedere questa doppia faccia è brutto, viene voglia di cambiare, di riportare tutto all'equilibrio, alla serenità, alla certezza che per qualcuno si va bene così come si è. Personalmente ci sto provando, con tanto impegno.

Nessun commento: