giovedì 13 novembre 2008

Lividi.

Penso a quei lividi che compaiono sul corpo umano anche senza aver preso una botta. Quei lividi che il corpo si autoinfligge a sua insaputa. Un mattino ti svegli e tac: un livido sulla gamba. Un tondo viola lievemente dolorante che come è venuto se ne andrà: nel silenzio, nel mistero. A volte il corpo umano si fa male da solo senza accorgersene, il sangue implode e si ingorga. Il mio livido viene oggi non a caso: è una giornata livida, iniziata nel dolore e nella paura. Mi dispiace dirlo ma è così. Speriamo in domani, oppure in qualche forza buona positiva nascosta da qualche parte che già oggi stesso al pari del livido scoppi all'improvviso.

4 commenti:

Sara Giorgia ha detto...

Amica mia queste righe mi preoccupano. E' successo qualcosa?

noemi cuffia ha detto...

Tranquilla Sarina non è successo niente, cioè questi lividi a volte mi vengono ma penso sia normale, penso sia la circolazione...


Per quanto riguarda l'inizio di giornata in effetti mia mamma è molto giù da qualche giorno. Un semplice influenza per lei è tragica...pensa di non farcela, si ricorda dell'ospedale, non ha tregua. Adesso riposa, speriamo si riprenda e ritorni un po' allegra...

Anonimo ha detto...

Namina,

vengono anche a me. Sono macchioline di sangue che si blocca, come le macchine nel traffico...è normale...sta' tranquilla, loro si bloccano ma tutto il resto, per fortuna, continua a scorrere tranquillo.

In ogni caso, pensa al 29 dicembre!

Ti voglio bene,

r

noemi cuffia ha detto...

Si si che ci penso :)

potremmo mettere dei minisemafori nelle vene e nelle arterie in cui circolerebbero agilmente i babypulmann!!