venerdì 3 settembre 2010

Yesterday.

Ieri. Una giornata. Lenta, tranquilla, ignara delle preoccupazioni, che sembravano così lontane. E poi alla sera, mentre correvo, sotto il cielo rosa fluorescente, sul prato verde smeraldo, accanto alle giostre dei bambini gialle e opache, sul grigio argentato della roccia aspra su cui mi sto arrampicando ogni giorno per vivere finalmente bene, per scoprire che tutti abbiamo diritto a un po' di felicità, quindi anche io, pensavo a qualcosa. Qualcosa di bello. Immaginavo che presto questa ricerca, questo allenamento sarebbero serviti, sarebbero diventati veri, un'emozione vera, arancio-autunnale, fragrante. Nei miei polpacci adesso si vedono di più i muscoli. Quindi deduco - al battito del cuore della mite, dolcissima Torino che mi accoglie in silenzio - che posso incidere sulla mia stessa vita. Quindi posso scolpire acuminatamente il mio habitat, spianare il mio sentiero, illuminare la mia stanza. E poi posso anche augurare a voi il migliore dei venerdì di settembre possibile. Un caffè e una torta alla vostra salute.

4 commenti:

Matte ha detto...

Eccola, finalmente.
Oggi l'aspettavo ancor più del solito. La tua tazzina quotidiana.
Con ansia, quasi. Pensavo: perchè non scrive? Forse sta vivendo un momento particolare, qualcosa che leggerò domani o lunedì.
Invece eccoti. O come dice la tua URL: eccotiti.
Non so perchè amo così tanto leggere le tue cose, forse per il senso di attesa che traspare da ogni post, come se stesse per accadere sempre qualcosa di bellissimo e inaspettato. Forse invece per come riesci in poche righe (e io detesto i prolissi) a tratteggiare piccoli attimi di felicità.
In questo periodo ho bisogno di vedere la bellezza attraverso gli occhi di qualcun altro.
Grazie.

noemi ha detto...

Matteo: GRAZIE. Hai colto perfettamente il mio stato d'animo, di attesa. Vorrei avere e infondere sempre un po' di fiducia, materia di cui ho bisogno e che mi piacerebbe regalare a chi, come mi sembra di capire sia il tuo caso adesso, aspetta come me che qualcosa di bello accada nella propria vita. Se ci sono riuscita, almeno con questo post, ne sono davvero davvero felice!

Elena ha detto...

Grazie!!
ne approfitto subito per caffè (io non bevo mai caffè...ma per te farò un eccezione!) e una bella fetta di torta casalinga!
Baci baci

noemi ha detto...

oh, ma neanche d'orzo o decaffeinato??? In tal caso vale doppio :D Grazie a te della visita e sì, quella è una prodigiosa torta salata patate e peperoni di Carmagnola :))